Sannazzaro de' Burgondi, navigazione veloce.
menu principale | contenuto principale | menu organizzazione | menu didattica | pi di pagina
La Raffineria
Un paese in Lomellina: la storia, le tradizioni, il lavoro, la gente...

menu principale

contenuti principali

L NS DILT - RISORSE PER CONOSCERLO /  NON DIMENTICARLO!


TRILUSSA... IN LOMELLINA!

Trasposizioni dal Romanesco al Sannazzarese di poesie del grande poeta dialettale a 70 anni dalla sua scomparsa.


La Cecala d'oggi

L Sigl dl didinc.


Una Cecala, che pijava er fresco

all'ombra der grispigno1 e de l'ortica,

pe' da' la cojonella2 a 'na Formica

cant 'sto ritornello romanesco:

- Fiore de pane,

io me la godo, canto e sto benone,

e invece tu fatichi come un cane.

- Eh! da qui ar bel ved ce corre poco:

- rispose la Formica -

nun t'hai da crede mica

ch'er sole scotti sempre come er foco!

Amomenti verr la tramontana:

commare, stacce attenta... -



Quanno venne l'inverno

la Formica se chiuse ne la tana.

ma, ner sent che la Cecala amica

seguitava a cant tutta contenta,

usc fra e je disse: - ancora canti?

ancora nu' la pianti?

- Io? - fece la Cecala - manco a dillo:

quer che facevo prima faccio adesso;

m ci l'amante: me manti quer Grillo

che 'sto giugno me stava sempre appresso.


Che dichi? l'onest? Quanto sei cicia!3

M'aricordo mi' nonna che diceva:

Chi lavora ci appena una camicia,

e sai chi ce n'ha due? Chi se la leva.



1) Cicerbita, specie d'insalata.

2) Per canzonare, dar la baia.

3) Di poco spirito.

 


N Sigl, chs n stv ins bn

lmbr dun sicurin e d n b,

vurnd pi pr l c n Furm

s mis cnt stu riturnl lmln:

 

- O fir d pn,

mn m l gdi, cnti e bn ch stn,

e invci ti t lri tn me un cn.

 

- Eh! Gurd che l invrn l prst chi:

- gh rispst l Furm

t t scrdr m

che l su scld smprins!

 

mumnti rivr l trmuntn:

cr l m sir, stgh tnt


Qun gh riv l invrn

l Furm s sr s intl tn,

m, sintnd nc l melud

d l Sigl chl cntv cuntnt,

l ndi f e gh di: - ncr t cnti?

Srs n r cht l pinti?

- Mn n! l fai l Sigl Nnc dil:

cul ch fv prm fn nc;

ds gh l mnt: m mntn cul Gril

che d gign m sta dr, stu fuld.


Che rb? Lunest? Sicht v cht d!

G in mnt m nn qund l fv:

- Chil ch lr gh mm n cm,

e t l s chil gh n du? Chil s l cv.

 

 

 

 

 






L'onest de mi' nonna


Lunest d l m nn.



Quanno che nonna mia pij marito

nun fece mica come tante e tante

che doppo un po' se troveno l'amante...

Lei, in cinquant'anni, nu' l'ha mai tradito!

 

Dice che un giorno un vecchio impreciuttito1

che je voleva fa' lo spasimante

je disse: - V'arigalo 'sto brillante

se venite a pijavvelo in un sito. -

 




Un'antra, ar posto suo, come succede,

j'avrebbe detto subbito: - So' pronta.

Ma nonna, ch'era onesta, nun ciagnede;2

 



anzi je disse: - Stattene lontano... -

Tanto ch'adesso, quanno l'aricconta,

ancora ce se mozzica3 le mano!4


1) Ripicchiato.
2) Non vi and.
3) Si morde.
4) Perch si pente di non averlo fatto.
 

 


 

Qun che l m nn l pi mr

l m fai me tnti e tnt

che dp un po s trvn l mnt

L, in cinquntn, l l mai trd!

 



Di che n vlt un vg tt bn vist

che gh vurv f l spimnt

gh di: - v rigli stu bl brilnt

se pil int () cul pst d mn gni.

 

 

 

Unltr, l s pst, (m che scr!),

gh vrs di: - Sn chi: d st ddsr?

M nn n: lr n brv sp;

 

 

 

nsi gh di: - Stvn pr luntn

Per ds, qunche n n discr,

l ncr s ru i mn!

 

 



                                                       Video-audio su You Tube




Avarizia.


vrsi.



Ho conosciuto un vecchio
ricco, ma avaro: avaro a un punto tale
che guarda i soldi nello specchio
per veder raddoppiato il capitale.
Allora dice: Quelli li do via
perch ci faccio la beneficenza;
ma questi me li tengo per prudenza


E li ripone nella scrivania.



cuns n vlt un vg

sir, m vr  un punto tal


chl gurd i sld intl spg

pr vd rdupi l cpitl.

lr l d: - Cui l i i dn v

prch vi fa d l beneficns;

m custi m i tni, pr prudns

E i i lg intl s scrivn. 

 




                                                       Video-audio (su You Tube)





L'ingiustizzie der monno

I ingistsi dl mnd.


Quanno che senti di' "cleptomania"

segno ch' un signore ch'ha rubbato:

er ladro ricco sempre un ammalato

e er furto che commette una pazzia.

 

Ma se domani un povero affamato

che rubba una pagnotta e scappa via

pe' lui nun c' nessuna malatia

che j'impedisca d'esse condannato!

 

Cos va er monno! L'antra settimana

che Yeta se n'agnede cr sartore1

tutta la gente disse: - una puttana. -

 


Ma la duchessa, che scapp in America

cr cammeriere de l'ambasciatore,

- Povera donna! - dissero - un'isterica!...

 

Qun che snti di cleptomania

l sgn che l stai un sir che l rub:

l ldr sir l smpr un ml

e l rubrsi chl fa l n ps.

 


M se dumn l un pvr fm

chl rb n mict e l scp v

pr l l gh ninsn mlt

che gh impeds d vs cundn.

 

Ins l va l mnd! E qund in pis

i n cnt d l Tt scp cul pitr,

gh stai chil l di: L n bgs!.

 

M d l dcs, scp in mric

cun l cmer d l mbscitr,

Grm dn! i n di L un istric!....


                                                         Video-Audio (su You Tube)











  





Criteri di trascrizione








menu secondario

 


pi di pagina