Sannazzaro de' Burgondi, navigazione veloce.
menu principale | contenuto principale | menu organizzazione | menu didattica | pi di pagina
La Raffineria
Un paese in Lomellina: la storia, le tradizioni, il lavoro, la gente...

menu principale

contenuti principali

L NS DILT - RISORSE PER CONOSCERLO /  NON DIMENTICARLO!


TRILUSSA... IN LOMELLINA!

Trasposizioni dal Romanesco al Sannazzarese di poesie del grande poeta dialettale a 70 anni dalla sua scomparsa.


Er macchiavello de certe...


Quann' sur primo de la relazzione
la donna maritata nun connette:
scrive, vi a casa tua, se compromette,
e dice ch'er marito un bonaccione.


Ma appena che je sfuma la passione
se fa seria, considera, arifrette...
E er marito? E' un feroce ammazzasette
che gira co' lo stocco ner bastone.

Allora te fa er solito discorso:
- Te vojo tanto bene... me dispiace...
ma capirai... nun vojo av rimorso...-


E, se nun p attaccasse a 'sti rampini,
pe' fasse piant subbito capace
de ditte ch'ha bisogno de quatrini!

 

 

 

L mcivlic* d crti dnn.

 

Qund l nc linsi d l relsin

l dn mrid p l cunt:

t scriv, l vn c t, s cumprumt,

e t d che l s m l un bunsn.

 

M pn che lgh ps l psin

s fa sri, ls mt dr riflt

E l s m? Un terbil msst

chl gr cun n lm intl bstn.

 

 

lr t d cun un p d sfrs:

- t vi trmnt bnm m dispi tnt

t cpsr vi n vgh di rimrs -

E, se l p n tcs sti rmpn,

pr fas pint sbit d ti, s mnt

t d chl gh dbgn dun p d suldn!


 

* mcivlic: machiavellica, trucco per uscire da una situazione difficile (da "l ns dilt", 2012).

 

 

 

 



                      Audio/Video su YouTube



Er congresso de li Cavalli

Un giorno li Cavalli,
stufi de fa' er Servizzio,
tennero un gran comizzio de protesta.
Prima parl er Cavallo d'un caretto:
Compagni! Si ve ste messi in testa
de mijor la classe,
bisogna arivortasse a li padroni.
Finora semo stati troppo boni
sotto le stanghe de la borghesia!
Famo un complotto! Questo qui er momento
d'arubbaje la mano e fasse sotto!
Morte ar cocchiere! Evviva l'anarchia! -
Colleghi, annate piano: -
strill un polledro giovane
d'un principe romano -
ch se scoppiasse la rivoluzzione
io resterebbe in mezzo a un vicoletto
perch m'ammazzerebbero er padrone.
Sar mejo, piuttosto, 
de present un proggetto ne la quale...-
Odia micchi, gras tibbi, naturale! 
disse un morello che da ventun'anno
stracinava el land d'un cardinale. -
Ma se ce fusse un po' de religgione
e Sant'Antonio nostro c'esaudisse...-

L'Omo, che intese, disse: - Va benone!
Fintanto che 'sti poveri Cavalli
vanno cos d'accordo
io faccio er sordo e seguito a frustalli!

 

 

l cungrs di cvl

 

Un d i Cvl,

strch d fa l srvsi,

i n tin un grn cumsi d prutst.

Prm gh prl l Cvl dun crt:

- Cumpgn! Se v si mis in tst

d miliur l clas,

gh u rivults i ns pdrn.

Fn ds sm stai nc trp bn

st i stngh d l burghe!

Fm un cumplt! Cusch l l mumnt

d rubgh l mn e fa ct!

Mrt l crus! Vv lnrch!


- Culg, gh ndr nd pin: -

l vu un puldr gin

dun fitul d Mn

che ss scupis l rivulsin

mn rstrs in m un strdn

prch m msrsn l pdrn.

Sr mi ptst,

d preent un prugitn ind che -


- Inc mn, dumn ti, l vr dbn!

l di un murl che d ventan

l tirv l lnd dun vscuvn.

- M se gh fs un po d religin

e l ns SntAntni s itrs -

L m, chlv sint, l di L va benn!

Fn tnt che sti grami cvls

i vn ins dcrdi

mn fn l surd e dn d mn l scris!



                      Audio/video su YouTube



Er carattere

Un Rospo usc dar fosso
e se la prese cr Camaleonte:
- Tu - ciai le tinte sempre pronte:
quanti colori che t'ho visto addosso!
L'hai ripassati tutti! Er bianco, er nero,
er giallo, er verde, er rosso...
Ma che diavolo ciai drent'ar pensiero?


Pari l'arcobbaleno! Nun c' giorno
che nun cambi d'idea,
e di la tintarella a la livrea
adatta a le cose che ciai intorno.
Io, invece, ccheme qua! So' sempre griggio
perch so' nato e vivo in mezzo ar fango,
ma nun perdo er prestiggio.

Forse far ribrezzo,
ma so' tutto d'un pezzo e ce rimango!
- Ognuno crede a le raggioni sue:
- disse er Camaleonte - come fai?
Io cambio sempre e tu nun cambi mai:
credo che se sbajamo tutt'e due

l crtr

 

Un d l Babi l gn fr dl fs

e s l cip cul Cmlent:

- Ti, t gh di tint smpr prnt:

m qunt culr che t vst ds!

T i fai ps tti! l binch, l tnt celst,

l gild, l ngr, l rus Che sltfs!

M che divul t gh drnt l tst?

t par l rch-in-cl! Gh n un d

che t cmbi n l t id

dndgh l tnt l t livr

dt i rb intrn ti.

Mn, invci, co, sn chi! Sn smpr gri

prch sn ns e vivi in m l mlt,

m prdi n l reptsin cun i m.

Frse fr ribrs,

per sn cuernt, gh n l fci d plt!

- gnn l crd cul chl v l:

- l di l Cmlent me un bleri,

mn cmbi smpr e ti t cmbi mai:

crdi che s blim tti d.

 



                     Audio/video su YouTube



Er cammeriere indeciso

Devi sap che l'antra settimana
er signor duca ha dato 'na gran festa,
che je costata un occhio de la testa
per via che ci la moje americana.


Ma la cosa pi buffa stata questa:
du' signorine e una signora anziana
staveno a sede sopra un'ottomana
come se nun riavessero la vesta



Ecco che la signora, doppo er ballo,
m'ha detto: - C' mi' fija che vo' un t
un po' allungato ma piuttosto callo... -


Io j'ho risposto: - Subbito, eccellenza!
Ma su' fija, s' lecito, qual'?
quella co' le mutanne o quella senza?

l cmr indec

 

t dvi sv che prpi lltr smn

l sir dc l dai n trmnt fst

che l gh vr cust un g d l tst

dato chl gh l dn mericn.

 

L rb ps bf, cst l rst:

du signornn e n sir nsin

i rn st insm dunutumn

tn me sgh vrsn n v s l vst.


co che cl sir, fini d bl,

m di: - Gh l m fil chl v un t

ptst cald, s s p, m nc un po lung

 

Mn gh rispund: - Sbit, ecelns!

M l s fil, sl lcit, curl l?

cl cun s i mdnt cl sns?  

 



                                           Audio/video su You Tube



Dispiaceri amorosi


Lei, quanno lui je disse: - Sai? te pianto... -
s'intese gel er sangue ne le vene.
Povera fija! fece tante scene,
poi se butt sul letto e sbott un pianto.

- Ah! - diceva - je vojo troppo bene!
Io che j'avrebbe dato tutto quanto!
Ma c'ho fatto che devo soffr tanto?
No, nun posso arisiste a tante pene!

O lui o gnisuno!... - E l, tutto in un botto,
scense dar letto e, matta dar dolore,
corse a la loggia e se butt de sotto.



Casc de peso, longa, in mezzo ar vicolo...
E m s' innammorata der dottore
perch l'ha messa fri de pericolo!

 

 


Dispi dmr

 

L, qun che l gh di:
- T l s? t las -

s sint l l sngh inti s vnn.

Grm fil! L fai tnt d chi scnn,

p s trai in lt pin e dispers.

 

- Gh i g che i lcrim gh l fn p tnn!

Gh vrs dai tt cul che l gh chi bas!

E l? L d mn l vur sfurts!

N, ps n rist ins tnt pnn!

 

l ninsn!... Sns di n but n rut,

l gn dl lt e, mt dl dulr,

l curs l l e l s trai d sut.

 

L druc d p, lng, in m l vcul

e ds s inmur dl dutr

prch l l mis fr dl percul!

 



                                             Audio/Video su You Tube


Carit cristiana

Er Chirichetto d'una sacrestia
sfasci l'ombrello su la groppa a un gatto
pe' castigallo d'una porcheria.
- Che fai? - je strill er Prete ner vedello
- Ce v un coraccio nero come er tuo
pe' menaje in quer modo... Poverello!...
- Che? - fece er Chirichetto - er gatto suo? -
Er Prete disse: - No... ma mio l'ombrello!-

 

 

Crit cristin

 

l Cirighn dn scrist

l spc lumbrln insl drnn dun gat

pr cstigl dn purcr.

- Sicht f? gh vu l Prv cul brbn.

- gh v un curg me l t pr trtl ins, puvrn!...

- Prch, - gh di l Cirighn l gat l l s?

E l Prv: - N m lr l m l umbrln! -

 



                                             Audio/video su You Tube



Bolla de Sapone

Lo sai ched' la Bolla de Sapone?
l'astuccio trasparente d'un sospiro.
Uscita da la canna vola in giro,
sballottolata senza direzzione,
pe' fasse cunnal come se sia
dall'aria stessa che la porta via.


Una farfalla bianca, un certo giorno,
ner vede quela palla cristallina
che rispecchiava come una vetrina
tutta la robba che ciaveva intorno,
j'agnede incontro e la chiam:

- Sorella,
fammete rimir! Quanto sei bella!

Er celo, er mare, l'arberi, li fiori
pare che t'accompagnino ner volo:
e mentre rubbi, in un momento solo,
tutte le luci e tutti li colori,
te godi er monno e te ne vai tranquilla
ner sole che sbrilluccica e sfavilla.-


La bolla de Sapone je rispose:
- So' bella, s, ma duro troppo poco.
La vita mia, che nasce per un gioco
come la maggior parte de le cose,
sta chiusa in una goccia... Tutto quanto
finisce in una lagrima de pianto.

 

Bl d svn

 

t l s sichl l Bl d Svn?

l tn me l stc trsprnt dun suspr.

Gn f d l cn l vl in gir,

blut ins sns n diresin,

ma pr fas cn prpi me si s

da lri sts chl l prt v.

 

n frfl binc, in cul d l,

pr vd cl bl cristln

chl spigiv tn me n vidrn

tt l rb chl gh r sa e d l,

gh ndi incntr e l l cim:

- surl,

fat rimir! Micht bl!

 

l cl, l mar, i pint, i fir

sm che t cumpgnn intl vl:

e intnt che t rbi, sns cuntrl,

tti l e tti culr,

t t gdi l mnd e t t n v trnqul

int l su chl brlsic e sfvl.

 

L gh rispst l Bl d Svn:

- Sr bl, m prmt chm sfgh,

dr pch l m vt ns pr gigh,

che, me l mgir part di rb, dbn.

l sta sr s intn gt

E ttcs, cul l gim l l sm,

l fins int n lcrim

me qund pinm.

 



                                         Audio-video su You Tube



Er Leone riconoscente.


Ner deserto dell' Africa, un Leone
che j' era entrato un ago drento ar piede,
chiam un Tenente pe' l' operazzione.
- Bravo! - je disse doppo - lo t' aringrazzio:
vedrai che sar riconoscente
d' avemme libberato da ' sto strazio;
qual' er pensiere tuo? d' esse promosso?
Emb, s' io posso te dar ' na mano... -
E in quella notte istessa
mantenne la promessa
pi mejo d' un cristiano;
ritorn dar Tenente e disse: - Amico,
la promozzione certa, e te lo dico
perch me so' magnato er Capitano.

 


l lin ricunusnt.

 

Intl dert d lAfric, un lin

che gh vndi un spn drnt l p,

l cim un Tennt pr lupersin.

- Brau! gh di dp Mn t ringrsi:

t vdr ch sr ricunusnt

pr vm liber d stu strasi;

sicht gh in mnt? D vs prums?

Bn, s pdi t dr n mn

 

E in cl nt ists

l mntin l prums

ps mi nc dun cristin;

indr dl Tennt, gh di: -m,

l prumusin l crt e t l di

prch m sn mngi l Cpitn.

 


 

 



                                           Audio/Video su You Tube





All'ombra

Mentre me leggo er solito giornale
spaparacchiato all'ombra d'un pajaro
vedo un porco e je dico: - Addio, majale! -
vedo un ciuccio e je dico: - Addio, somaro! -

Forse 'ste bestie nun me capiranno,
ma provo armeno la soddisfazzione
de pot di' le cose come stanno
senza paura de fin in priggione







lmbr

 

Intnt che m li l m slit giurnl

spprns st lmbr dun murn

vd un purs e gh di: - T prpi un niml!

vdi un au e gh fn: V che  nn!

 

S n se si bsti m cpisrn,

m prvi lmno l sudisfasin

d pud di i rb prpi michi stn

sns pgr d fin in prn.

 




                                                  Audio/Video su You Tube






La tartaruga


Mentre una notte se nannava a spasso,
la vecchia tartaruga fece er passo pi lungo
de la gamba e casc gi
c la casa vortata sottoins.
Un rospo je strill: Scema che sei!
Queste s scappatelle che costeno la pelle
lo s rispose lei ma prima de mor,
vedo le stelle.

 


L trtrg


Intnt che n nt s nndv spas,

l vgi trtrga l fi l pas

ps lngh che l gmb drucnd

cun l s ca vult d st in s.

Un babi gh vu: M l pl t gh v giunt?

d nt in gir l t et?

T un po tc d srvl!

S bn, gh rispst l m prm d mur vdi i stl in cl.

 

 

 

                                             Video/audio su You Tube




La Cecala d'oggi

L Sigl dl didinc.


Una Cecala, che pijava er fresco

all'ombra der grispigno1 e de l'ortica,

pe' da' la cojonella2 a 'na Formica

cant 'sto ritornello romanesco:

- Fiore de pane,

io me la godo, canto e sto benone,

e invece tu fatichi come un cane.

- Eh! da qui ar bel ved ce corre poco:

- rispose la Formica -

nun t'hai da crede mica

ch'er sole scotti sempre come er foco!

Amomenti verr la tramontana:

commare, stacce attenta... -



Quanno venne l'inverno

la Formica se chiuse ne la tana.

ma, ner sent che la Cecala amica

seguitava a cant tutta contenta,

usc fra e je disse: - ancora canti?

ancora nu' la pianti?

- Io? - fece la Cecala - manco a dillo:

quer che facevo prima faccio adesso;

m ci l'amante: me manti quer Grillo

che 'sto giugno me stava sempre appresso.


Che dichi? l'onest? Quanto sei cicia!3

M'aricordo mi' nonna che diceva:

Chi lavora ci appena una camicia,

e sai chi ce n'ha due? Chi se la leva.



1) Cicerbita, specie d'insalata.

2) Per canzonare, dar la baia.

3) Di poco spirito.

 


N Sigl, chs n stv ins bn

lmbr dun sicurin e d n b,

vurnd pi pr l c n Furm

s mis cnt stu riturnl lmln:

 

- O fir d pn,

mn m l gdi, cnti e bn ch stn,

e invci ti t lri tn me un cn.

 

- Eh! Gurd che l invrn l prst chi:

- gh rispst l Furm

t t scrdr m

che l su scld smprins!

 

mumnti rivr l trmuntn:

cr l m sir, stgh tnt


Qun gh riv l invrn

l Furm s sr s intl tn,

m, sintnd nc l melud

d l Sigl chl cntv cuntnt,

l ndi f e gh di: - ncr t cnti?

Srs n r cht l pinti?

- Mn n! l fai l Sigl Nnc dil:

cul ch fv prm fn nc;

ds gh l mnt: m mntn cul Gril

che d gign m sta dr, stu fuld.


Che rb? Lunest? Sicht v cht d!

G in mnt m nn qund l fv:

- Chil ch lr gh mm n cm,

e t l s chil gh n du? Chil s l cv.

 

 

 

 

 






L'onest de mi' nonna


Lunest d l m nn.



Quanno che nonna mia pij marito

nun fece mica come tante e tante

che doppo un po' se troveno l'amante...

Lei, in cinquant'anni, nu' l'ha mai tradito!

 

Dice che un giorno un vecchio impreciuttito1

che je voleva fa' lo spasimante

je disse: - V'arigalo 'sto brillante

se venite a pijavvelo in un sito. -

 




Un'antra, ar posto suo, come succede,

j'avrebbe detto subbito: - So' pronta.

Ma nonna, ch'era onesta, nun ciagnede;2

 



anzi je disse: - Stattene lontano... -

Tanto ch'adesso, quanno l'aricconta,

ancora ce se mozzica3 le mano!4


1) Ripicchiato.
2) Non vi and.
3) Si morde.
4) Perch si pente di non averlo fatto.
 

 


 

Qun che l m nn l pi mr

l m fai me tnti e tnt

che dp un po s trvn l mnt

L, in cinquntn, l l mai trd!

 



Di che n vlt un vg tt bn vist

che gh vurv f l spimnt

gh di: - v rigli stu bl brilnt

se pil int () cul pst d mn gni.

 

 

 

Unltr, l s pst, (m che scr!),

gh vrs di: - Sn chi: d st ddsr?

M nn n: lr n brv sp;

 

 

 

nsi gh di: - Stvn pr luntn

Per ds, qunche n n discr,

l ncr s ru i mn!

 

 



                                                       Video-audio su You Tube




Avarizia.


vrsi.



Ho conosciuto un vecchio
ricco, ma avaro: avaro a un punto tale
che guarda i soldi nello specchio
per veder raddoppiato il capitale.
Allora dice: Quelli li do via
perch ci faccio la beneficenza;
ma questi me li tengo per prudenza


E li ripone nella scrivania.



cuns n vlt un vg

sir, m vr  un punto tal


chl gurd i sld intl spg

pr vd rdupi l cpitl.

lr l d: - Cui l i i dn v

prch vi fa d l beneficns;

m custi m i tni, pr prudns

E i i lg intl s scrivn. 

 




                                                       Video-audio (su You Tube)





L'ingiustizzie der monno

I ingistsi dl mnd.


Quanno che senti di' "cleptomania"

segno ch' un signore ch'ha rubbato:

er ladro ricco sempre un ammalato

e er furto che commette una pazzia.

 

Ma se domani un povero affamato

che rubba una pagnotta e scappa via

pe' lui nun c' nessuna malatia

che j'impedisca d'esse condannato!

 

Cos va er monno! L'antra settimana

che Yeta se n'agnede cr sartore1

tutta la gente disse: - una puttana. -

 


Ma la duchessa, che scapp in America

cr cammeriere de l'ambasciatore,

- Povera donna! - dissero - un'isterica!...

 

Qun che snti di cleptomania

l sgn che l stai un sir che l rub:

l ldr sir l smpr un ml

e l rubrsi chl fa l n ps.

 


M se dumn l un pvr fm

chl rb n mict e l scp v

pr l l gh ninsn mlt

che gh impeds d vs cundn.

 

Ins l va l mnd! E qund in pis

i n cnt d l Tt scp cul pitr,

gh stai chil l di: L n bgs!.

 

M d l dcs, scp in mric

cun l cmer d l mbscitr,

Grm dn! i n di L un istric!....


                                                         Video-Audio (su You Tube)











  





Criteri di trascrizione








menu secondario

 


pi di pagina