Sannazzaro de' Burgondi, navigazione veloce.
menu principale | contenuto principale | menu organizzazione | menu didattica | pi di pagina
La Raffineria
Un paese in Lomellina: la storia, le tradizioni, il lavoro, la gente...

menu principale

contenuti principali

Pinocchio in Lomellina (5).


Dal DVD 3 volte Pinocchio (strenna natalizia 2013 in omaggio agli alunni della Scuola Primaria di Sannazzaro de Burgondi da parte dellAmministrazione Comunale Assessorato alla Cultura):

Le avventure di Pinocchio di C. Collodi Capitolo 5.

Versione in lingua lombarda (UNESCO ISO 639-3 Lmo) - Variante sannazzarese.
Traduzione e lettura un lingua locale di Renato Murelli

Musiche: http://incompetech.com/music/royalty-...






 

     Capitolo V

Pinocchio ha fame, e cerca un uovo per farsi una frittata; ma sul pi bello, la frittata gli vola via dalla finestra.

Cptul 5

Pinchio 'l 'gh fam, e 'l crc un v pr fas n frit; m int l ps bl, l frit 'gh vl v d l fnstr.


Intanto cominci a farsi notte, e Pinocchio, ricordandosi che non aveva mangiato nulla, sent un'uggiolina allo stomaco, che somigliava moltissimo all'appetito.

Ma l'appetito nei ragazzi cammina presto, e difatti, dopo pochi minuti l'appetito divent fame, e la fame, dal vedere al non vedere, si convert in una fame da lupi, una fame da tagliarsi col coltello.
Il povero Pinocchio corse subito al focolare, dove c'era una pentola che bolliva e fece l'atto di scoperchiarla, per vedere che cosa ci fosse dentro, ma la pentola era dipinta sul muro. Immaginatevi come rest. Il suo naso, che era gi lungo, gli divent pi lungo almeno quattro dita.
Allora si dette a correre per la stanza e a frugare per tutte le cassette e per tutti i ripostigli in cerca di un po' di pane, magari un po' di pan secco, un crosterello, un osso avanzato al cane, un po' di polenta muffita, una lisca di pesce, un nocciolo di ciliegia, insomma di qualche cosa da masticare: ma non trov nulla, il gran nulla, proprio nulla.
E intanto la fame cresceva, e cresceva sempre: e il povero Pinocchio non aveva altro sollievo che quello di sbadigliare: e faceva degli sbadigli cos lunghi, che qualche volta la bocca gli arrivava fino agli orecchi. E dopo avere sbadigliato, sputava, e sentiva che lo stomaco gli andava via.
Allora piangendo e disperandosi, diceva:
Il Grillo-parlante aveva ragione. Ho fatto male a rivoltarmi al mio babbo e a fuggire di casa.... Se il mio babbo fosse qui, ora non mi troverei a morire di sbadigli! Oh! che brutta malattia che la fame!
Quand'ecco gli parve di vedere nel monte della spazzatura qualche cosa di tondo e di bianco, che somigliava tutto a un uovo di gallina. Spiccare un salto e gettarvisi sopra, fu un punto solo. Era un uovo davvero.
La gioia del burattino impossibile descriverla: bisogna sapersela figurare. Credendo quasi che fosse un sogno, si rigirava quest'uovo fra le mani, e lo toccava e lo baciava, e baciandolo diceva:
E ora come dovr cuocerlo? Ne far una frittata? No, meglio cuocerlo nel piatto! O non sarebbe pi saporito se lo friggessi in padella? O se invece lo cuocessi a uso uovo da bere? No, la pi lesta di tutte di cuocerlo nel piatto o nel tegamino: ho troppa voglia di mangiarmelo!
Detto fatto, pose un tegamino sopra un caldano pieno di brace accesa: messe nel tegamino, invece d'olio o di burro, un po' d'acqua: e quando l'acqua principi a fumare, tac!... spezz il guscio dell'uovo, e fece l'atto di scodellarvelo dentro.
Ma invece della chiara e del torlo, scapp fuori un pulcino tutto allegro e complimentoso, il quale, facendo una bella riverenza, disse:
Mille grazie, signor Pinocchio, d'avermi risparmiata la fatica di rompere il guscio! Arrivedella, stia bene e tanti saluti a casa!
Ci detto distese le ali, e, infilata la finestra che era aperta, se ne vol via a perdita d'occhio.
Il povero burattino rimase l, come incantato, cogli occhi fissi, colla bocca aperta e coi gusci dell'uovo in mano. Riavutosi, peraltro, dal primo sbigottimento, cominci a piangere, a strillare, a battere i piedi in terra, per la disperazione, e piangendo diceva:
Eppure il Grillo-parlante aveva ragione! Se non fossi scappato di casa e se il mio babbo fosse qui, ora non mi troverei a morire di fame! Eh! che brutta malattia che la fame!
E perch il corpo gli seguitava a brontolare pi che mai, e non sapeva come fare a chetarlo, pens di uscir di casa e di dare una scappata al paesello vicino, nella speranza di trovare qualche persona caritatevole che gli facesse l'elemosina di un po' di pane.

 
Intnt 'gh cuminci fas nt, e Pinchio, che 'gh gn in mnt ch''l v mngi gnnt, 'l sint un lngrunn int l stmi, ch'l 'gh smiv trmnt tnt 'l ptt.

M 'l ptt int i fi 'l cmn vlt, me difti, dp un qui mint 'l ptt 'l gn fam, e l fam, tra n rb e l'ltr, l 's trsfurm int n fam d lu, n fam ch's pudv ti cul curt.

l pvr Pinchio 'l sbit curs l cmn, ind ch'l 'gh r n pgnt ch'l'r 'dr bi e 'l fai pr tir v 'l curc, pr vd sich'l 'gh r dntr, m l pgnt l'r pitr int l mr. Figrv mich''l rst. l s na, ch''l r gim bl lngh, l 'gh gn nc ps lngh d qutr did' lmno.
lr 's mis dr cur pr l stns e fugn in tt'i cst e pr tti i ripustli pr circ un p 'd pn sch, un crustinn, un s vns dl cn, un p 'd pulnt mf, n lsc 'd ps, un gnduln d grfin, insm un quics d msti: m 'l tru gnnt, un grn gnnt, un bl gnnt.



E intnt l fam l crsv, e l crsv smpr: e stu gram Pinchio l 'gh v m d'ltr suliv che cul d bggi: e l fv di bgg ins lngh, che di vlt l bc 'gh rivv fn i urg. E dp ch''l v bggi, l spdv, e 'l sintv che 'l stmi gh ndv v.
lr pinnd bl e dispr, l div:
- l Gril-ch' prl l 'gh v rn. fai mal riblm m pp e scp d ca... Se 'l m pp l srs chi, d st'r m trurs n mur d bgg! h! che brt mlt ch'l' l fam!

Tt int un bt 'gh pr d vd int l mg dl rd un quics d rutnd e binch, ch'l 'gh smiv tt un v d gln. Fa un salt e trsgh insm, 'l stai n rb sl. 'L r'un v dbn.


L cuntints dl brtn 'l impusbil d cnt: 'gh u vs bn d figrsl.
Crdnd qui ch''l r un sgn, l fv gir cul v int i mn, e 'l l tucv e 'l l bv, e bndl l diiv:
- E 'ds mich' duvr cl? n n fr n frit?... N, 'l mi cl int l piat!... 'l sr n ps bn s'l l frs rust in pdl? se invci l l cus o v d bv? N, l ps vlt d tti l' cl d cl int l pit int l pdln: 'gh trp vi d mngiml!


lr, 'l mis un pdln insm d'un brsch pn d brsc vsc: 'gh mis int l pdln, l pst d 'l li dl btr, un p d'qu: e qund l'qu l' cuminci fm, tach!... 'l rut l gs 'd 'l v e 'l fai pr trgl dntr.

M l pst dl binch e dl rus d 'l v, 'gh slt fr un pulstrn tt lgr e cr, che, fnd n p bl rivrns, 'l di:

- Tnti ringrsimnt, sir Pinchio, ch'l m' risprmi l fd d rmp l gs!
rvds, ch'l sti bn e tnti slt ca!

Fin d di ins 'l lrg i al, e, infil l fnstr ch'l'r vrt, s n' vul v prdit d'g.
Cul gram brtn 'l rst l, me incnt, cui g fis, cl bc durt e cui gs d 'l v in mn.
Qund l 's ripi, pr, d st bl surpr, 's mis dr pin, cri, bat i p in tr, pr l disprsin, e pinnd 'l div:

- Dnc 'l Gril-ch' prl l 'gh v rn! S' fs n scp d ca e se 'l m pp 'l fs chi, ds m trurs n mur 'd l fam! h! che brt mlt ch'l' l fam!...
E dato che 'l crp l siguitv rclm smpr ps, e 'l sv n me fa chitl, 'l pins bn d 'nd f d'in ca e d fa n scpd l pin l prs, sprnd d tru n prsn 'd cr che gh fas l crit d'un tch d pn.




Videolettura in lingua locale (da You Tube)


 

Torna all'indice dei capitoli

 


menu secondario

pi di pagina