Sannazzaro de' Burgondi, navigazione veloce.
menu principale | contenuto principale | menu organizzazione | menu didattica | pi di pagina
La Raffineria
Un paese in Lomellina: la storia, le tradizioni, il lavoro, la gente...

menu principale

contenuti principali

Pinocchio in Lomellina (3).


Dal DVD 3 volte Pinocchio (strenna natalizia 2013 in omaggio agli alunni della Scuola Primaria di Sannazzaro de Burgondi da parte dellAmministrazione Comunale Assessorato alla Cultura):

Le avventure di Pinocchio di C. Collodi Capitolo 3.

Versione in lingua lombarda (UNESCO ISO 639-3 Lmo) - Variante sannazzarese.
Traduzione e lettura un lingua locale di Renato Murelli

Musiche: http://incompetech.com/music/royalty-...
 






















Videolettura in lingua locale (da You Tube)


     Capitolo III

Geppetto, tornato a casa, comincia subito a fabbricarsi il burattino e gli mette il nome di Pinocchio. Prime monellerie del burattino.

Cptul 3

Gpto, riv ca, s mt sbit dr fbrics l brtn e 'gh mt nm Pinchio. I prim birichind dl brtn.


La casa di Geppetto era una stanzina terrena, che pigliava luce da un sottoscala. La mobilia non poteva esser pi semplice: una seggiola cattiva, un letto poco buono e un tavolino tutto rovinato. Nella parete di fondo si vedeva un caminetto col fuoco acceso; ma il fuoco era dipinto, e accanto al fuoco c'era dipinta una pentola che bolliva allegramente e mandava fuori una nuvola di fumo, che pareva fumo davvero.
Appena entrato in casa, Geppetto prese subito gli arnesi e si pose a intagliare e a fabbricare il suo burattino.
Che nome gli metter? disse fra s e s. Lo voglio chiamar Pinocchio. Questo nome gli porter fortuna. Ho conosciuto una famiglia intera di Pinocchi: Pinocchio il padre, Pinocchia la madre e Pinocchi i ragazzi, e tutti se la passavano bene. Il pi ricco di loro chiedeva l'elemosina.
Quando ebbe trovato il nome al suo burattino, allora cominci a lavorare a buono, e gli fece subito i capelli, poi la fronte, poi gli occhi.
Fatti gli occhi, figuratevi la sua maraviglia quando si accrse che gli occhi si muovevano e che lo guardavano fisso fisso.
Geppetto, vedendosi guardare da quei due occhi di legno, se n'ebbe quasi per male, e disse con accento risentito:
Occhiacci di legno, perch mi guardate?
Nessuno rispose.
Allora, dopo gli occhi, gli fece il naso; ma il naso, appena fatto, cominci a crescere: e cresci, cresci, cresci divent in pochi minuti un nasone che non finiva mai.
Il povero Geppetto si affaticava a ritagliarlo; ma pi lo ritagliava e lo scorciva, e pi quel naso impertinente diventava lungo.
Dopo il naso, gli fece la bocca.
La bocca non era ancora finita di fare, che cominci subito a ridere e a canzonarlo.
Smetti di ridere! disse Geppetto impermalito; ma fu come dire al muro.
Smetti di ridere, ti ripeto! url con voce minacciosa.
Allora la bocca smesse di ridere, ma cacci fuori tutta la lingua.
Geppetto, per non guastare i fatti suoi, finse di non avvedersene, e continu a lavorare. Dopo la bocca, gli fece il mento, poi il collo, le spalle, lo stomaco, le braccia e le mani.
Appena finite le mani, Geppetto sent portarsi via la parrucca dal capo. Si volt in su, e che cosa vide? Vide la sua parrucca gialla in mano del burattino.
Pinocchio!... rendimi subito la mia parrucca!
E Pinocchio, invece di rendergli la parrucca, se la messe in capo per s, rimanendovi sotto mezzo affogato. A quel garbo insolente e derisorio, Geppetto si fece triste e malinconico, come non era stato mai in vita sua: e voltandosi verso Pinocchio, gli disse:
Birba d'un figliuolo! Non sei ancora finito di fare, e gi cominci a mancar di rispetto a tuo padre! Male, ragazzo mio, male!
E si rasciug una lacrima.
Restavano sempre da fare le gambe e i piedi.
Quando Geppetto ebbe finito di fargli i piedi, sent arrivarsi un calcio sulla punta del naso.
Me lo merito! disse allora fra s. Dovevo pensarci prima! Ormai tardi!
Poi prese il burattino sotto le braccia e lo pos in terra, sul pavimento della stanza, per farlo camminare.
Pinocchio aveva le gambe aggranchite e non sapeva muoversi, e Geppetto lo conduceva per la mano per insegnargli a mettere un passo dietro l'altro.
Quando le gambe gli si furono sgranchite, Pinocchio cominci a camminare da s e a correre per la stanza; finch, infilata la porta di casa, salt nella strada e si dtte a scappare.
E il povero Geppetto a corrergli dietro senza poterlo raggiungere, perch quel birichino di Pinocchio andava a salti come una lepre, e battendo i suoi piedi di legno sul lastrico della strada, faceva un fracasso, come venti paia di zoccoli da contadini.
Piglialo! piglialo! urlava Geppetto; ma la gente che era per la via, vedendo questo burattino di legno, che correva come un barbero, si fermava incantata a guardarlo, e rideva, rideva e rideva, da non poterselo figurare.
Alla fine, e per buona fortuna, capit un carabiniere il quale, sentendo tutto quello schiamazzo, e credendo si trattasse di un puledro che avesse levata la mano al padrone, si piant coraggiosamente a gambe larghe in mezzo alla strada, coll'animo risoluto di fermarlo e di impedire il caso di maggiori disgrazie.
Ma Pinocchio, quando si avvide da lontano del carabiniere, che barricava tutta la strada, s'ingegn di passargli, per sorpresa, frammezzo alle gambe, e invece fece fiasco.
Il carabiniere, senza punto smuoversi, lo acciuff pulitamente per il naso (era un nasone spropositato, che pareva fatto apposta per essere acchiappato dai carabinieri) e lo riconsegn nelle proprie mani di Geppetto; il quale, a titolo di correzione, voleva dargli subito una buona tiratina d'orecchi. Ma figuratevi come rimase, quando nel cercargli gli orecchi, non gli riusc di poterli trovare: e sapete perch? Perch, nella furia di scolpirlo, si era dimenticato di farglieli.
Allora lo prese per la collottola, e, mentre lo riconduceva indietro, gli disse tentennando minacciosamente il capo:
Andiamo a casa. Quando saremo a casa, non dubitare che faremo i nostri conti!
Pinocchio, a questa antifona, si butt per terra, e non volle pi camminare. Intanto i curiosi e i bighelloni principiavano a fermarsi l dintorno e a far capannello.
Chi ne diceva una, chi un'altra.
Povero burattino! dicevano alcuni ha ragione a non voler tornare a casa! Chi lo sa come lo picchierebbe quell'omaccio di Geppetto!...
E gli altri soggiungevano malignamente:
Quel Geppetto pare un galantuomo! ma un vero tiranno coi ragazzi! Se gli lasciano quel povero burattino fra le mani, capacissimo di farlo a pezzi!
Insomma, tanto dissero e tanto fecero, che il carabiniere rimise in libert Pinocchio, e condusse in prigione quel pover'uomo di Geppetto. Il quale, non avendo parole l per l per difendersi, piangeva come un vitellino, e nell'avviarsi verso il carcere, balbettava singhiozzando:
Sciagurato figliuolo! E pensare che ho penato tanto a farlo un burattino per bene! Ma mi sta il dovere! Dovevo pensarci prima!...
Quello che accadde dopo, una storia cos strana, da non potersi credere, e ve la racconter in quest'altri capitoli.


L ca 'd Gpto l'r n stnst pin tr, ch'l piv l d un sutscl.
L mubli l pudv n vs ps mudst: n cdrg grm, un lt pch bn e un tuln tt ruin. Int l prd in fnd s vdv un cmint cul fgh visch; m 'l fgh 'l r pitr, e prs'l fgh 'gh r pitr n pgnt ch'l buiv lgr e l mndv fr n nvl 'd fm, ch'l prv fm dbn.



'Pn riv in ca, Gpto 'l   pi sbit i rn e 's mis dr inti e fbric 'l s brtn.

- Che nm 'gh mai d 
mtgh? 'l di int l s
mnt. - l l vi cim
Pinchio. Stu nm chi gh
purtr furtn. cuns
n fmli intrg d 
Pinchi: Pinchio 'l pdr, Pinchi l mdr e Pinchi i fi, e tti 's l psvn bn. l ps sir d lur l circv l crit.

Qund 'l 'v tru 'l nm l s brtn, lr 's mis dr lur dbn, e 'gh fai sbit i cv, p l frnt, p i g.

'Pn fai i g, figrv l s mrvli qund s n' incrt che i g s muvn e che l l gurdvn fis fis.

Gpto, vdnds gurd d cui d g d lgn, 'l qui rst mal, e 'l di prpi d rbi:

- Ugis d lgn, sich'l 'gh i d gurdm?
'Gh rispst ninsn.
lr, dp i g, 'gh fai l na; m 'l na, 'pn fai, 'l cuminci crs: e crs, crs, crs 'l gn int un qui mint un nn ch'l finisv p.

Stu gram Gpto gh dv dntr ritil; m ps ch'l l ritiv e 'l l scrtv, e ps che stu na birichn s lungv.

Dp l na, 'gh fai l bc.
L bc l'r n 'nc fin d fa, che sbit l 's mis dr rid e pil in gir.


- mtl d rid! 'l di Gpto trmnt rbi; m 'l stai me prlgh l mr.
- mtl d rid, t di! 'l cri cun vu minci.
lr l bc l' mis d rid, m l' cci f tt l lngu.
Gpto, pr nn gusts nc ps, 'l fai fnt d'incrsn n, e 'l 'ndai innn lur. Dp l bc, 'gh fai l brbrn, p 'l cl, i spal, l stmi, i bras e i mn.
'Pn fin i mn, Gpto 's sint purt v l prc dl c. s vult in s, e sich''l vst? 'L vst l s prc gild int i mn dl brtn.
- Pinchio!... dam indr sbit l m prc!
E Pinchio, invci d dagh indr l prc, s l' mis in c pr l, rstndgh st m ni. stu grb insulnt e d pi in gir, Gpto 's fai trist e mlincnich, mich''l r mai () stai in vt s: e vultnds in vr Pinchio, 'gh di:

- Bls d'un fiuln! 'T n 'nc fin d fa, e 't cumnci gim mncgh d rispt t pdr! Mal, car l m fi, mal!
E 'l 's sg n lcrim.
gh rstv smpr d fa i gmb e i p.
Qund Gpto 'l 'v fin d fagh i p, 's sint rivgh n psa int l pnt dl na.

- m l mriti! 'l di int l s mnt. - Duv pinsgh prm! rmi 'l tardi!

P 'l cip 'l brtn sut'i bras e 'l l' pugi in tr, int l pvimnt d l stns, pr fal cmin.
Pinchio l 'gh v i gmb tt rnghign e 'l r n bn d mvas, e Gpto l l tinv pr mn pr mustrgh mt un pas 'dr 'l ltr.

Qund i gmb is n ldin, Pinchio 'l cuminci cmin dprl e cur pr l stns; fn che, infil l prt 'd ca, 'l slt int l stra e 's mis scp.


E stu gram Gpto curgh dr sns pud cipl, prch cul birichn d Pinchio 'l ndv salt me n lgur, e picnd i s p 'd lgn int l sl d l stra, l fv un frcs, me vn' pari 'd sucln d pin.

- Cipl! cipl! - l vuv Gpto; m l gint ch'l'r pr l stra, vdnd stu brtn d lgn, ch'l curv frt me n lp, s frmv incnt gurdl, e l ridv, ridv e ridv, d pud n figrsl.
l fn, e pr bn furtn, 'gh riv un crbini che, sintnd tt cul bcn l, e crdnd ch's trtv d'un puldr ch'l 'gh v 'lv l mn l s pdrn, 's pint curgiumnt cui gmb largh in m l stra, trmnt dc frml e fa n scd di digrsi ps grs.



M Pinchio, qund s n' incrt d luntn d stu crbini, ch'l tinv tt l stra, 'l pins bn d psgh, pr surpr, dm i gmb, e invci 'l cic l brs.
l crbini, sns nnc mvs un fil, l l' cip cun sicrs pr l na ('l r un nn () sprupuit, ch'l prv fai pst pr vs cip di crbini) e 'l l' cunsgn int i s mn d Gpto; che, pr mustrgh sta 'l mnd, l vurv dagh sbit n bl tirdn d'urg.
M figrv un p mich''l rst, qund circndgh i urg, 'l n stai bn d trui: e l l s 'l prch? Prch, int l fri d sculpl, 's v minti d faghi.
lr l l' cip pr l cupn, e, intnt ch'l l minv indr, 'gh di scrulnd minciumnt l tst:
- ndm ca. Qund srm ca, sta sicr ch' frm i ns cnt!

Pinchio, cl'ntfun chi, 's trai pr tr, e 'l p vur cmin. Intnt i curi e i bimblnn i cumincivn frms l d'trn e fa rcul. Chi div n rb, chi un'ltr.


- Gram brtn! - i divn d cui - l 'gh rn d vur n 'nd indr ca!
Chi 'l ch'l l s mich'l l picrs cl ms d Gpto!...
E i ltr, mlgn, i divn ncs:

- Stu Gpto l par un glntm! m 'l dbn un tirn cui fi! S'gh lsn cul gram brtn int i mn, 'l prpi bn d fal tch!
Insm, tnt i n di e tnt i n fai, che l crbini 'l ls 'nd Pinchio, e 'l purt in prn cul gram m d Gpto. E l svnd n l pr l siche di pr difnds, l pinv me un vidln, e intnt ch'l 's innviv in vr l glr, tvlnd l brbuiv:



- Scrns d'un fiuln! E pins ch'm sn dai d fa ins tnt pr fal un brtn mich's dv! M 'l 'm sta bn! Duv pinsgh prm!...

Cul ch'l 'gh scs dp, l' n stri ins strmblic, d puds n crd, e 'v l cntr s int i cptul quen.





 

 

 

Torna all'indice dei capitoli

 


menu secondario

pi di pagina