Sannazzaro de' Burgondi, navigazione veloce.
menu principale | contenuto principale | menu organizzazione | menu didattica | pi di pagina
La Raffineria
Un paese in Lomellina: la storia, le tradizioni, il lavoro, la gente...

menu principale

contenuti principali

Pinocchio in Lomellina (1).

Dal DVD 3 volte Pinocchio (strenna natalizia 2013 in omaggio agli alunni della Scuola Primaria di Sannazzaro de Burgondi da parte dellAmministrazione Comunale Assessorato alla Cultura):

Le avventure di Pinocchio di C. Collodi Capitolo 1.

Versione in lingua lombarda (UNESCO ISO 639-3 Lmo) - Variante sannazzarese.
Traduzione e lettura un lingua locale di Renato Murelli

Musiche: http://incompetech.com/music/royalty-...
 





















Videolettura in lingua locale (da You Tube)


Capitolo I

Come and che Maestro Ciliegia, falegname, trov un pezzo di legno che piangeva e rideva come un bambino.

Cptul 1

Mich' l' 'ndi che Mstr Sir, lignm, l' tru un tch d lgn ch'l pinv e 'l ridv me un fi.

C'era una volta....
Un re! diranno subito i miei piccoli lettori.
No, ragazzi, avete sbagliato. C'era una volta un pezzo di legno.
Non era un legno di lusso, ma un semplice pezzo da catasta, di quelli che d'inverno si mettono nelle stufe e nei caminetti per accendere il fuoco e per riscaldare le stanze.
Non so come andasse, ma il fatto gli che un bel giorno questo pezzo di legno capit nella bottega di un vecchio falegname, il quale aveva nome mastr'Antonio, se non che tutti lo chiamavano maestro Ciliegia, per via della punta del suo naso, che era sempre lustra e paonazza, come una ciliegia matura.
Appena maestro Ciliegia ebbe visto quel pezzo di legno, si rallegr tutto; e dandosi una fregatina di mani per la contentezza, borbott a mezza voce:
Questo legno capitato a tempo; voglio servirmene per fare una gamba di tavolino.
Detto fatto, prese subito l'ascia arrotata per cominciare a levargli la scorza e a digrossarlo; ma quando fu l per lasciare andare la prima asciata, rimase col braccio sospeso in aria, perch sent una vocina sottile sottile, che disse raccomandandosi:
Non mi picchiar tanto forte!
Figuratevi come rimase quel buon vecchio di maestro Ciliegia!
Gir gli occhi smarriti intorno alla stanza per vedere di dove mai poteva essere uscita quella vocina, e non vide nessuno!
Guard sotto il banco, e nessuno: guard dentro un armadio che stava sempre chiuso, e nessuno; guard nel corbello dei trucioli e della segatura, e nessuno; apr l'uscio di bottega per dare un'occhiata anche sulla strada, e nessuno. O dunque?...
Ho capito; disse allora ridendo e grattandosi la parrucca si vede che quella vocina me la son figurata io. Rimettiamoci a lavorare.
E ripresa l'ascia in mano, tir gi un solennissimo colpo sul pezzo di legno.
Ohi! tu m'hai fatto male! grid rammaricandosi la solita vocina.
Questa volta maestro Ciliegia rest di stucco, cogli occhi fuori del capo per la paura, colla bocca spalancata e colla lingua gi ciondoloni fino al mento, come un mascherone da fontana.
Appena riebbe l'uso della parola, cominci a dire tremando e balbettando dallo spavento:
Ma di dove sar uscita questa vocina che ha detto ohi?... Eppure qui non c' anima viva. Che sia per caso questo pezzo di legno che abbia imparato a piangere e a lamentarsi come un bambino? Io non lo posso credere. Questo legno eccolo qui; un pezzo di legno da caminetto, come tutti gli altri, e a buttarlo sul fuoco, c' da far bollire una pentola di fagioli.... O dunque? Che ci sia nascosto dentro qualcuno! Se c' nascosto qualcuno, tanto peggio per lui. Ora l'accomodo io!
E cos dicendo, agguant con tutt'e due le mani quel povero pezzo di legno, e si pose a sbatacchiarlo senza carit contro le pareti della stanza.
Poi si messe in ascolto, per sentire se c'era qualche vocina che si lamentasse. Aspett due minuti, e nulla; cinque minuti, e nulla; dieci minuti, e nulla!
Ho capito disse allora sforzandosi di ridere e arruffandosi la parrucca si vede che quella vocina che ha detto ohi, me la son figurata io! Rimettiamoci a lavorare.
E perch gli era entrato addosso una gran paura, si prov a canterellare per farsi un po' di coraggio.
Intanto, posata da una parte l'ascia, prese in mano la pialla, per piallare e tirare a pulimento il pezzo di legno; ma nel mentre che lo piallava in su e in gi, sent la solita vocina che gli disse ridendo:
Smetti! tu mi fai il pizzicorino sul corpo! Questa volta il povero maestro Ciliegia cadde gi come fulminato. Quando riapr gli occhi, si trov seduto per terra.
Il suo viso pareva trasfigurito, e perfino la punta del naso, di paonazza come era quasi sempre, gli era diventata turchina dalla gran paura.

- 'Gh r n vlt....
- Un r! - i dirn sbit i m pcul ltr.
- N, fii, i bli. 'Gh r n vlt un tch d lgn.

'L r n un lgn d lso, m un tch msis d mg, me d cui che d'invrn s mtn s int i stiv e int i cmint pr visc 'l fgh e pr scld i stns.

l l s n mich' 'l stai, m d'gni mdo un bl d stu tch d lgn 'l cpit int l butg d'un vg lignm, ch's cimv mstr'ntni, m che tti l l cimvn mstr Sir, pr v 'd l pnt dl s na, ch'l'r smpr lstr e trmnt rs, tn' me un grfin mdr.

'Pn che mstr Sir 'l vst () stu tch d lgn, 'l r tt cuntnt; e dnds un frin int i mn 'd l cuntints, 'l brbut pin pinn:
- Stu lgn chi 'l cpit 'l mumnt gist; vi drubl pr fa n gmb d tuln.

Tt int un bt, 'l cip in mn l g bl'e mul pr cuminci tirgh v l scrs e grusl un p; m qund 'l stai l pr dagh l prm glt, 'l rst l cul bras pr ri, prch 'l sint n vut stl stl, ch''l di rcumndnds:
- Pcm n tnt frt!

Figrv mich''l rst cul brav vg dl mstr Sir!

'L gir i s g cunf d chi e d l int l stns pr vd d'ind mai l pudv vs gn fr cl vut l, e 'l vst ninsn!
'L gurd sut'l bnch, e ninsn: 'l gurd dntr un rmdi ch''l r smpr sr s, e ninsn; 'l gurd int l cistn di risuln e 'd l bl, e ninsn; 'l durt 'l s d l butg pr d un'ucid ncs int l stra, e ninsn. E dnc?...
- cp; - 'l di lr ridnd e grtnds l prc - s vd che cl vut l m l sn figr mn. Mtms dr 'nc lur ch''l mi.
E pi in mn nc l g, 'gh dai un trmnt culp int l tch d lgn.
- hi! 'T m fai mal! 'l vu cun dispi l slit vut.
Stvlt mstr Sir 'l rst d stch, cun i g f 'd l tst 'd l pgr, cun l bc tt durt e cun l lngu ch'l pindv fn' int l brbrn, tn' me un mscrn d funtn.  

'Pn l' pud prl 'nc, 'l cuminci di cui trm ds e trtind dl spvnt:
- M d'ind l sr gn f st vut ch'l' di hi?... pr chi 'gh prpi ninsn. Ch'l s pr ca stu tch d lgn chi ch''l bi impr pin e lmints tn' me un fiuln?
Mn fn fd crdl. Tlch stu tch d lgn; 'l un tch d lgn d cmint, me tti i ltr, e tral int l fgh, 'gh d fa bi n pgnt 'd f... E dnc? Ch'gh s scu dntr un quidn! S'gh dntr un quidn, p pr l. ds l l sistmi mn!



E dind'ins, 'l cip cun tti du i mn cul grm tch d lgn, e 's mis picl d chi e d l sns crit tch'i mr d l stns.

P 's mis d d tra, pr sint s'l 'gh r n qui vut ch's lmintv. 'L spit d mint, e gnnt; cinch mint, e gnnt; d mint, e gnnt!
- cp 'l di lr sfursnds d rid e scvinds l prc - s vd che cl vut l ch'l' di hi, m l sn figr mn! Mtms dr 'nc lur.
E dato ch'l 'gh v gn 'ds n trmnt pgr, 'l pru cntrl pr fas un p 'd curg.
Intnt, pugi d n part l g, 'l cip in mn l pin, pr pin e suli bn l tch d lgn; m intnt ch'l l pinv in s e in , 'l sint l slit vut che 'gh di:

- mtl! 'T m f glt ins l pns!
Stvlt l pvr mstr Sir 'l druc   me flmin. Qund 'l vrt nc i g, 's tru st pr tr.
L s fci l prv trsfigr, e fn l pnt dl na, d trmnt rs mich'l'r qui smpr, 'gh v gn bl 'd l grn pgr.

 


Torna all'indice dei capitoli

 


menu secondario

pi di pagina