Sannazzaro de' Burgondi, navigazione veloce.
menu principale | contenuto principale | menu organizzazione | menu didattica | pi di pagina
La Raffineria
Un paese in Lomellina: la storia, le tradizioni, il lavoro, la gente...

menu principale

contenuti principali

L NS DILT - RISORSE PER CONOSCERLO /  NON DIMENTICARLO!


I prbul dl Signr in dilt lmln

  Le parabole di Ges in dialetto lomellino


A Matilde,

perch i racconti di Ges

possano risuonare in lei

anche con gli accenti

dl ns dilt.

 

 


N. B. : il testo dialettale / italiano di ciascuna parabola preceduto dal titolo in Italiano e da una breve nota introduttiva, sempre in lingua, a richiamare molto sinteticamente il contenuto e/o il senso  della parabola stessa. Generalmente, nella versione dialettale, le parole di Gs sono racchiuse tra , mentre le battute dei vari personaggi sono comprese tra .

La parabola del fariseo e del pubblicano
(Luca 18,10-14).

Al tempo di Ges i Farisei costituivano un gruppo religioso molto stimato all'interno della comunit per la loro rigorosa adesione alla Legge. I pubblicani invece erano ebrei che collaboravano con i Romani, riscuotendo a loro nome le tasse:  godevano perci di una pessima fama, al punto di essere considerati peccatori pubblici. Con questa parabola, Ges in un certo senso ribalta, o comunque trascende, lo stereotipo popolare del tempo.

L prbul dl friŝ e dl pblicn.

Ascoltala in sannazzarese (registrazione inedita)

D m s n purt l tmpio pr preg; in Friŝ, e lltr pblicn. l Friŝ, stnd in p, l prgv ins int l s mnt:
Signr, t ringrsi che mn sn n me i ltr m, ldr, ingist, dltr; e nnc me cul pblicn l. Mn diŝni du vlt l smn; pghi tti i tas chm prtcn.
l pblicn invci, stnd ps luntn, l pruv nnc ls i g l cl; m s dv i pgn int l stmi diŝnd:
Signr, dur un g in vr' mn ch sn pectr!.
Mn v dŝi che chil l ndi ca gistific, difrns d 'l ltr; prch chi 'l chs inls dprl l sr ŝbs; m chi 'l chs sbs l sr inls.

Due uomini salirono al tempio per pregare; l'uno Fariseo, e l'altro pubblicano. Il Fariseo, stando in pi, pregava cos dentro di s:
O Dio, ti ringrazio ch'io non sono come gli altri uomini, rapaci, ingiusti, adulteri; n pure come quel pubblicano. Io digiuno due volte la settimana; pago la decima su tutto quel che posseggo.
Ma il pubblicano, stando da lungi, non ardiva neppure alzar gli occhi al cielo; ma si batteva il petto, dicendo:
O Dio, sii placato verso me peccatore!
Io vi dico che questi scese a casa sua giustificato, piuttosto che quell'altro; perch chiunque s'innalza sar abbassato; ma chi si abbassa sar innalzato.

 

 



  





















Le altre parabole

Introduzione

Le parabole

La trascrizione delle parabole in dialetto sannazzarese

Criteri di trascrizione








menu secondario

 


pi di pagina