Sannazzaro de' Burgondi, navigazione veloce.
menu principale | contenuto principale | menu organizzazione | menu didattica | pi di pagina
La Raffineria
Un paese in Lomellina: la storia, le tradizioni, il lavoro, la gente...

menu principale

contenuti principali

L NS DILT - RISORSE PER CONOSCERLO /  NON DIMENTICARLO!


I prbul dl Signr in dilt lmln

  Le parabole di Ges in dialetto lomellino


A Matilde,

perch i racconti di Ges

possano risuonare in lei

anche con gli accenti

dl ns dilt.

 

 


N. B. : il testo dialettale / italiano di ciascuna parabola preceduto dal titolo in Italiano e da una breve nota introduttiva, sempre in lingua, a richiamare molto sinteticamente il contenuto e/o il senso  della parabola stessa. Generalmente, nella versione dialettale, le parole di Gs sono racchiuse tra , mentre le battute dei vari personaggi sono comprese tra .



La parabola del seme che germoglia da solo
(Marco 4, 26-29).

Il Regno di Dio ha una forza interiore che ne asseconda il lento, ma inesorabile sviluppo.

L prbul 'd l smns chl bt dprl.

Ascoltala in sannazzarese (registrazione inedita)


l diŝv ncs:
l rgn dl Signr l tn me un m chl tri l smns in tr, e chl drm e l s s, d nt e dl d, l smns intnt l bt e l crs int n mnr che nnc l l l sa n michl fa. L tr d blprl l d l s frt: prm lrb (l gmb)1; p l spg; p, int l spg, l grnn fai bn.
E qund l frt l mdr, sbit l l d d mn2 () l msr, prch l r d ti.

 Diceva ancora:
Il regno di Dio come un uomo che getti il seme in terra, e dorma e si levi, la notte e il giorno, il seme intanto germoglia e cresce nel modo ch'egli stesso ignora. 
La terra da se stessa d il suo frutto: prima l'erba; poi la spiga; poi, nella spiga, il grano ben formato. 
E quando il frutto maturo, subito e' vi mette la falce perch la mietitura venuta.

1. Lo stelo.

2. Mette mano a

 








  

Le altre parabole

Introduzione

Le parabole

La trascrizione delle parabole in dialetto sannazzarese

Criteri di trascrizione








menu secondario

 


pi di pagina