Sannazzaro de' Burgondi, navigazione veloce.
menu principale | contenuto principale | menu organizzazione | menu didattica | pi di pagina
La Raffineria
Un paese in Lomellina: la storia, le tradizioni, il lavoro, la gente...

menu principale

contenuti principali

L NS DILT - RISORSE PER CONOSCERLO /  NON DIMENTICARLO!


I prbul dl Signr in dilt lmln

  Le parabole di Ges in dialetto lomellino


A Matilde,

perch i racconti di Ges

possano risuonare in lei

anche con gli accenti

dl ns dilt.

 

 


N. B. : il testo dialettale / italiano di ciascuna parabola preceduto dal titolo in Italiano e da una breve nota introduttiva, sempre in lingua, a richiamare molto sinteticamente il contenuto e/o il senso  della parabola stessa. Generalmente, nella versione dialettale, le parole di Gs sono racchiuse tra , mentre le battute dei vari personaggi sono comprese tra .

La parabola dei lavoratori della vigna
(Matteo 20, 1-16).

 

Il Regno dei Cieli per tutti quegli uomini che si impegnano a seguire la parola del Signore, quale che sia il momento in cui sono da Lui chiamati.

 

 

L prbul di vignulnt.

 

Ascoltala in sannazzarese (registrazione inedita)


Difti l rgn di cil 'gh sm un pdrn d ca, che, l mtn bunr, 'l ndi fr pr pi giurn di m pr l s vgn.

E vnd ndi dcrdi cun lur pr un sld l d, i mnd int l s vgn.

E qund 'l ndai f vrs l trsr (i nv ur d l mtn), n n vst () di ltr chs n stvn in pis diŝucp, e 'gh d:

nd nc viltr int l  vgn e v dr cul chl sr gist.

E lur i n ndi. P 'l ndai f nc vr l sstr (mŝd) e l nn r (i tr ur 'd l bsr) e 'l fai ists. E qund 'l ndai f vrs lndicŝim r (i cinch ur dl dpdiŝn), n n tru di ltr in pis e 'gh d:

Prch v n st chi tt l d sns fa gnint?.

Lur igh n d:

Prch ninsn s pi giurn.

E l 'gh d:

nd nc viltr int l vgn".

P, qun 'gh gn sr, l pdrn 'd l vgn 'gh d l s ft:

Cim i uperri e dagh l pg, cumincind d i ltim fn i prim.

lr, qund 'gh gn cui di cinch ur dl dpdiŝn, igh n v un sld pr n.

E qund 'gh gn i prim, i pinsvn d utnn d p; m nc lur 'gh n v un sld pr n.

E cipnd l sld, i brbutvn cntr l pdrn d ca, diŝnd:

Cui ltim chi i n lur mm unr e t i trt me nm, chm supurt l pŝ 'd l giurn e l cald.

M l, rispundnd in d lur, 'l d:

mŝ, mn t n fai di intrt; t v n ndai dcrdi cun mn pr un sld? P cul cht spt e vtn; m mn vi dagh nc cl ltim chi tnt micht dai ti. Ps n fa dl m cul chgh vi? t d fstdi che mn sn brav?.

Ins i ltim i srn prim, e i prim ltim.


Poich il regno de' cieli simile a un padron di casa, il quale, in sul far del giorno, usc a prender ad opra de' lavoratori per la sua vigna. E avendo convenuto coi lavoratori per un denaro al giorno, li mand nella sua vigna. Ed uscito verso l'ora terza, ne vide degli altri che se ne stavano sulla piazza disoccupati, e disse loro:
Andate anche voi nella vigna, e vi dar quel che sar giusto.
Ed essi andarono. Poi, uscito ancora verso la sesta e la nona ora, fece lo stesso. 

Ed uscito verso l'undicesima, ne trov degli altri in piazza e disse loro:

 

Perch ve ne state qui tutto il giorno inoperosi?

 

Essi gli dissero:
Perch nessuno ci ha presi a giornata.
Egli disse loro:
Andate anche voi nella vigna.

Poi, fattosi sera, il padron della vigna disse al suo fattore: Chiama i lavoratori e paga loro la mercede, cominciando dagli ultimi fino ai primi. Allora, venuti quei dell'undicesima ora, ricevettero un denaro per uno. E venuti i primi, pensavano di ricever di pi; ma ricevettero anch'essi un denaro per uno. E ricevutolo, mormoravano contro al padron di casa, dicendo: Questi ultimi non han fatto che un'ora e tu li hai fatti pari a noi che abbiamo portato il peso della giornata e il caldo. Ma egli, rispondendo a un di loro, disse: Amico, io non ti fo alcun torto; non convenisti meco per un denaro? Prendi il tuo, e vattene; ma io voglio dare a quest'ultimo quanto a te.

Non m' lecito far del mio ci che voglio? o vedi tu di mal occhio ch'io sia buono? 
Cos gli ultimi saranno primi, e i primi ultimi.










  




Le altre parabole

Introduzione

Le parabole

La trascrizione delle parabole in dialetto sannazzarese

Criteri di trascrizione








menu secondario

 


pi di pagina