Sannazzaro de' Burgondi, navigazione veloce.
menu principale | contenuto principale | menu organizzazione | menu didattica | pi di pagina
La Raffineria
Un paese in Lomellina: la storia, le tradizioni, il lavoro, la gente...

menu principale

contenuti principali

L NS DILT - RISORSE PER CONOSCERLO /  NON DIMENTICARLO!


I prbul dl Signr in dilt lmln

  Le parabole di Ges in dialetto lomellino


A Matilde,

perch i racconti di Ges

possano risuonare in lei

anche con gli accenti

dl ns dilt.

 

 


N. B. : il testo dialettale / italiano di ciascuna parabola preceduto dal titolo in Italiano e da una breve nota introduttiva, sempre in lingua, a richiamare molto sinteticamente il contenuto e/o il senso  della parabola stessa. Generalmente, nella versione dialettale, le parole di Gs sono racchiuse tra , mentre le battute dei vari personaggi sono comprese tra .

La parabola dei talenti
(Matteo 25,14-30).

I fedeli ricevono dal Signore preziosi doni di grazia da far fruttificare in vista del redde rationem finale, per ottenere il premio eterno. Una parabola, peraltro, da sempre molto discussa: oggi pure in rete, su blog e forum vari, con interventi anche estremamente interessanti da parte di tanti comuni visitatori. Chi ha la rete da navigare, navighi.

L prbul di tlnt.

Ascoltala in sannazzarese (registrazione inedita)

E cpitr tn me dun m che, prtnd pr un vig, l cim i s srv e 'gh cunsgn i s bn; e in 'gh dai cinch tlnt, un ltr d, e un ltr in; gnn scnd l s cpcit; e l prt.

Cul chlv ricv i cinch tlnt, 'l ndai sbit fai frt e n n gudgn cinch dltar. Sts rb, cul di d (tlnt) n n gudgn d dltr. Cul che invci n nv ricv mm in, 'l ndai e, fnd un bŝ in tr, 'gh scuŝ dntr l sld dl s pdrn.
Dp tnt tmp, co l pdrn d cui srv l f i cnt cun lur.
E cul chlv ricv i cinch tlnt, 'l gn e l mustr cinch tlnt dltr, diŝnd:
Sir pdrn, t m v cunsgn cinch tlnt; v, n n gudgn cinch dltr.
Va bn, srv brav e fdl, 'gh d l s pdrn,t stai fdl int l pch, t fr cumnd sl tnt; sta cuntnt nc ti me l t pdrn.
P s preŝnt ncs cul di d tlnt e 'l d:
Sir pdrn, ti t m v cunsgn d tlnt; t, gurd, n n gudgn d dltr.
Va bn, srv brav e fdl, 'gh d l s pdrn, t stai fdl int l pch, t fr cumnd sl tnt; sta cuntnt nc ti me l t pdrn.
P, 'gh gn in sa ncs cul chlv ricv mm un tlnt e 'l d:
Sir pdrn, mn sv che ti t un m dr, cht tai ind t n smn, e t cati ind ch t n trai; 'gh v pgr, e ndai scnd l t tlnt st tr; tlch ind 'l .
E l s pdrn 'gh rispst:
Srv gram e infingrd, ti t l sv che mn tai ind n smn e cati ind n trai; 't vrs du dnc purt i m sld di bnchr; e ins, gnnd indr, mn vrs ritir i m sld cun lintrs.

Tirgh vi dnc l tlnt, e dgl cul chl 'gh i dŝ tlnt. Prch tti cui chigh n gh sr dai, e 'gh n  sr fn d p; m chil chl 'gh n gh sr pi nc cul chl 'gh .
E cul srv l intil, sbtl fr int i scr. L gh sr dl pinŝ e dl stridr di dnt.

Poich avverr come di un uomo il quale, partendo per un viaggio, chiam i suoi servitori e affid loro i suoi beni; e all'uno diede cinque talenti, a un altro due, e a un altro uno; a ciascuno secondo la sua capacit; e part. 
Subito, colui che avea ricevuto i cinque talenti and a farli fruttare, e ne guadagn altri cinque. Parimente, quello de' due ne guadagn altri due. Ma colui che ne avea ricevuto uno, and e, fatta una buca in terra, vi nascose il danaro del suo padrone. Or dopo molto tempo, ecco il padrone di que' servitori a fare i conti con loro.
E colui che avea ricevuto i cinque talenti, venne e present altri cinque talenti, dicendo: Signore, tu m'affidasti cinque talenti; ecco, ne ho guadagnati altri cinque.
 E il suo padrone gli disse: Va bene, buono e fedel servitore; sei stato fedele in poca cosa, ti costituir sopra molte cose; entra nella gioia del tuo Signore.
Poi, presentatosi anche quello de' due talenti, disse: Signore, tu m'affidasti due talenti; ecco, ne ho guadagnati altri due. Il suo padrone gli disse:
Va bene, buono e fedel servitore; sei stato fedele in poca cosa, ti costituir sopra molte cose; entra nella gioia del tuo Signore.
Poi, accostatosi anche quello che avea ricevuto un talento solo, disse:
Signore, io sapevo che tu sei uomo duro, che mieti dove non hai seminato, e raccogli dove non hai sparso; ebbi paura, e andai a nascondere il tuo talento sotterra; eccoti il tuo. E il suo padrone, rispondendo, gli disse:
Servo malvagio ed infingardo, tu sapevi ch'io mieto dove non ho seminato e raccolgo dove non ho sparso; dovevi dunque portare il mio danaro dai banchieri; e al mio ritorno, avrei ritirato il mio con interesse.
Toglietegli dunque il talento, e datelo a colui che ha i dieci talenti. Poich a chiunque ha sar dato, ed egli sovrabbonder; ma a chi non ha sar tolto anche quello che ha.
 E quel servitore disutile, gettatelo nelle tenebre di fuori. Ivi sar il pianto e lo stridor dei denti.

















 
 

Le altre parabole

Introduzione

Le parabole

La trascrizione delle parabole in dialetto sannazzarese

Criteri di trascrizione








menu secondario

 


pi di pagina