Sannazzaro de' Burgondi, navigazione veloce.
menu principale | contenuto principale | menu organizzazione | menu didattica | pi di pagina
La Raffineria
Un paese in Lomellina: la storia, le tradizioni, il lavoro, la gente...

menu principale

contenuti principali

L NS DILT - RISORSE PER CONOSCERLO /  NON DIMENTICARLO!


I prbul dl Signr in dilt lmln

  Le parabole di Ges in dialetto lomellino


 

 





N. B. : il testo dialettale / italiano di ciascuna parabola preceduto dal titolo in Italiano e da una breve nota introduttiva, sempre in lingua, a richiamare molto sinteticamente il contenuto e/o il senso  della parabola stessa. Generalmente, nella versione dialettale, le parole di Gs sono racchiuse tra , mentre le battute dei vari personaggi sono comprese tra .

La parabola dellamico importuno (Luca 11, 5-9).

Una breve parabola per un incisivo incoraggiamento ad aver fede nellatto del pregare. E in quello dellinsistere

L prbul 'd l mŝ rmpbl1.

Ascoltala in sannazzarese (registrazione inedita)

P 'gh d2: Se in d viltr l 'gh un mŝ ch l va d l mŝnt e 'gh dŝ:
3, prstm tri michn4, prch m riv in ca un mŝ d un viag, e gh gnnt d mtgh suti dnt5; e se cul l d dntr gh rispnd:
Rmp n6, l prt l gim sr s e i m fi i n in lt cun mn, ps n lv s pr dati; mn v dŝi che, se nc 'l lvr n s daghi prch 'l un s mŝ, 'l lvr s dgn qunti gh n dbŝgn prpi pr l s insistns mulst.
Mn v dŝi dnc: Cim e v sr dai; circh e trur; pich ( ls) e v durrn7.

Poi disse loro: Se uno d'infra voi ha un amico e va da lui a mezzanotte e gli dice:
- Amico, prestami tre pani, perch m' giunto di viaggio in casa un amico, e non ho nulla da mettergli dinanzi; e se colui dal di dentro gli risponde:
- Non mi dar molestia; gi serrata la porta, e i miei fanciulli son meco a letto, io non posso alzarmi per darteli, - io vi dico che quand'anche non s'alzasse a darglieli perch gli amico, pure, per la importunit sua, si lever e gliene dar quanti ne ha di bisogno. Io altres vi dico: Chiedete, e vi sar dato; cercate e troverete; picchiate, e vi sar aperto
.













Note:

1. Un po forte, dato il contesto, ma impurtn mi sembrava poco dialettale e non mi convincevano del tutto scnt, nuiŝ e simili
 
2. Letteralmente ha detto (e non disse), in quanto: Alcuni tempi di modi verbali in Lombardia non sono affatto usati, come il passato remoto indicativo, sostituito definitivamente dallottocento dal passato prossimo. Da Grammatica dei dialetti della Lombardia, a cura di Andrea Rognoni, Oscar Mondadori, 2005, pag. 15.

3. In Italiano: Amico, . Ma in dialetto questuso vocativo del termine nel rivolgerci a qualcuno di nostra conoscenza non sembra risultare.

4. Sta per pani.

5. Da mettergli sotto i denti: da offrirgli.

6. Sta per un pi elegante, persin lezioso Non mi dar molestia.

 

7. Aprire in dialetto dur, ma anche vr.

  


Le altre parabole

Introduzione

Le parabole

La trascrizione delle parabole in dialetto sannazzarese

Criteri di trascrizione








menu secondario

 


pi di pagina