Sannazzaro de' Burgondi, navigazione veloce.
menu principale | contenuto principale | menu organizzazione | menu didattica | pi di pagina
La Raffineria
Un paese in Lomellina: la storia, le tradizioni, il lavoro, la gente...

menu principale

contenuti principali

Da vedere nei dintorni

Olevano: Museo di Arte e Tradizione Contadina

Il cortile del Museo.A circa 15 km da Sannazzaro sorge Olevano, antico borgo della Lomellina centrale, feudo fin dal 1164 della potente famiglia pavese degli Olevano e sede del loro possente castello medievale. Dall'ottobre del 1994, in un vecchio cascinale del centro stato allestito il Museo di Arte e Tradizione Contadina, unico in Lomellina, che raccoglie con varie ambientazioni utensili ed attrezzi usati dai contadini lomellini fino agli anni cinquanta di questo secolo. Ecco come nato il museo. In occasione della sagra del paese, era tradizione esporre strumenti del lavoro contadino e vecchie macchine agricole. Dal 1993, grazie ad un gruppo di appassionati che ha ristrutturato la sede ricavata da una stalla con relativo fienile e cortile messa a disposizione dal Comune di Olevano, si resa permanente la mostra di questi attrezzi. Il museo aperto al pubblico grazie al lavoro dei volontari che ne curano la sistemazione, continuando in tutto il territorio lomellino la ricerca di altre testimonianze del lavoro nei campi e nelle botteghe artigiane. Lo scopo del museo quello di salvare dalla dispersione e dalla distruzione i vecchi strumenti del lavoro contadino per dare il giusto rilievo agli oggetti che sono stati il tramite tra l'uomo e la terra, e restituirli, per quanto possibile, al loro contesto. Oggi, che sono ormai in disuso, sono destinati a un rapido oblio (anche tra i non pi giovani spesso difficile capire la funzione di certi attrezzi), oppure finiscono nei mercatini dell'antiquariato. Per questo sembrato importante trasmettere la testimonianza di tutto quello che serviva ai contadini per ricordarne l'antica saggezza e l'instancabile lavoro . Il museo si articola in alcune sezioni. Nell'ampio cortile sono esposte alcune macchine che testimoniano le prime fasi della meccanizzazione agricola (dagli inizi del secolo agli anni `5O). Si accede poi alla stalla con gli attrezzi usati nell'allevamento bovino. Al suo fianco stato ricostruito l'ambiente della stalletta dove si svolgevano le veglie serali. Ancora al pianterreno stata allestita l'attrezzatura di un caseificio per la lavorazione del latte. Al piano superiore, in quello che era il fienile, sono raccolti gli attrezzi dei mestieri artigiani ormai. scomparsi (norcino, sarto, arrotino, calzolaio, falegname) ed stata ricostruita la povera casa contadina composta solo dalla cucina e dalla camera da letto. Accompagnano i circa 1500 attrezzi, manichini, ambientazioni, fotografie e disegni che illustrano la vita contadina e il lavoro nei campi. Presso il museo possibile prendere visione di documenti originali d'epoca, cartoline, schede analitiche delle aziende agricole, fotografie inedite delle campagne lomelline. Sono inoltre disponibili registrazioni di canti delle mondine e una raccolta di fiabe popolari lomelline, frutto di un accurato lavoro di ricerca. In occasione della sagra del paese, il 16 agosto e la quarta domenica di ottobre, affiancano l'attivit del museo particolari iniziative. Sono state allestite varie mostre, come quella sul riso e sul giocattolo antico; inoltre viene ogni anno riproposta una dimostrazione di mietitura e trebbiatura tradizionale del riso. Il museo aperto al pubblico tutti i sabati e le domeniche al pomeriggio. Per i gruppi possibile prenotare anche visite infrasettimanali. Le comitive che hanno visitato il museo sono state ricevute calorosamente, e hanno potuto far tesoro della gita. I contadini volontari che gestiscono il museo, oltre ad illustrare ai visitatori gli attrezzi e le macchine, si soffermano spesso a raccontare i segreti, i sacrifici e le soddisfazioni di quello che stato per molti anni il loro lavoro. La visita completamente gratuita.

Il Museo situato in via Cesare Battisti, 5. Orario d'apertura: sabato e domenica 15.00 - 18.00. Ingresso gratuito. Visite guidate per gruppi e scolaresche anche nei giorni feriali su prenotazione. Tel. 0384 - 51251/51239.

Informazioni: Vigevano Promotions Tel. 0381/690370 - Fax 0381/690494


Lomello

Scaldasole


menu secondario


pi di pagina