Sannazzaro de' Burgondi, navigazione veloce.
menu principale | contenuto principale | menu organizzazione | menu didattica | pi di pagina
La Raffineria
Un paese in Lomellina: la storia, le tradizioni, il lavoro, la gente...

menu principale

contenuti principali

MONDINE LOMELLINE

I canti di risaia

Dal repertorio dei canti delle mondine lomelline:

"A'l m amr l' bl e'gh ciman Pdar"

Sette strambotti in lingua dialettale eseguiti in sequenza da due mondine del gruppo di Sannazzaro. Trattandosi di canti di tipo solistico, e quindi meno adatti alla socializzazione, ed esaurita ormai la loro funzione comunicativa, gli stornelli pi arcaici, come quelli qui presentati, oggi sono rimasti unicamente nei repertori personali di alcune interpreti. In occasione della registrazione di questa sequenza, "Rita" e "Pina", hanno fatto a gara nel ricordare gli stornelli, sfornandone uno dopo l' altro, quasi ad imitazione delle sfide che si svolgevano in risaia.

File audio MP3 (459 KB)

Voci: Giuseppina Pasquali, Margherita Orbelli

(Estratto da una registrazione di A. Citelli e G. Grasso - collaborazione di Rosalia Carpani / Sannazzaro de' Burgondi, 19.6.1986, contenuta nella cassetta ACB/MC08 "Cur o gent"; per gentile concessione dell' Associazione culturale Barabn).


E 'l m amr l' bl e 'gh ciman Pdar

l' ma tnta bl ma gh' i c' ngar

gh' p d barbisn sta 'l nas

l' ma tnta bl ma Pdr am pias


Al m amr l' bl se p l' bl

al prta i risuln sta 'l capl

al prta i risuln qutar par bnda

l' picul ma 'l v marci la grnda


Vurs che tut i dn fisn int al fran

e m madna n parch l' brva

vurs che i fissan dnta scars e sima

e m madna dnta par la prma


Vurs che 'l mi amr fidis un sin

la minara a la funtna a bre,

la minaria cla cira e cla tlbra

la minara cun m sta la dbia


Amr amr 'bandna l'ustera

si n 'bandna la purtna ma

"Ptst che 'bandun la ta prta

'bandni l'ustera e po 'nca l'sta"


L' tnta tmp che i parl d'amre

ho fatto una montagna di pensieri

ne far un'ltra di malincuna

far mi p l' amur in vita ma


O 'ndi da 'd l da Po 'mprnd a cs

gh' mis quarnta d 'nfil la ggia

o pardunm un p cra radsa

qutar pnt o fi d'na camsa


(Il mio amore bello e lo chiamano Pietro/ non mica tanto bello ma ha gli occhi neri/ ha poi due baffetti sotto il naso/ non tanto bello ma Pietro mi piace/ Il mio amore bello e poi bello/ porta i ricciolini sotto il cappello/ porta i ricciolini quattro per parte/ piccolino ma vuol marciare alla grande/ Vorrei che tutte le donne fossero (messe) nel forno/ e mia suocera no perch brava/ vorrei che fossero dentro sotto e sopra/ e mia suocera dentro per prima/ Vorrei che il mio amore fosse un asino/ lo porterei alla fontana a bere/ lo porterei a quella (acqua) chiara e a quella torbida/ lo porterei con me sotto le lenzuola/ Amore amore abbandona l'osteria/ se no abbandona la mia porticina! Piuttosto che abbandonare la tua porta abbandono l'osteria e poi anche l'ostessa/ E' tanto tempo che ho parlato d'amore/ ho fatto una montagna di pensieri/ ne far un' altra di malinconia/ non far mai pi l'amore in vita mia/ Sono andata di l del Po a imparare a cucire/ ho impiegato quaranta giorni a infilare l'ago/ o perdonatemi un po' cara "radisa" con quattro punti ho fatto una camicia).


(Da "Cur o gent - Canti delle mondariso lomelline, pavesi e dell'Oltrep", libretto allegato alla cassetta ACB/MC08, a cura di Marco Savini e Aurelio Citelli - contributi di M.Antonietta Arrigoni e Giuliano Grasso, 1995; per gentile concessione dell' Associazione culturale Barabn).



menu secondario


pi di pagina