Sannazzaro de' Burgondi, navigazione veloce.
menu principale | contenuto principale | menu organizzazione | menu didattica | pi di pagina
La Raffineria
Un paese in Lomellina: la storia, le tradizioni, il lavoro, la gente...

menu principale

contenuti principali

L NS DILT - RISORSE PER CONOSCERLO /  NON DIMENTICARLO!


I prbul dl Signr in dilt lmln

  Le parabole di Ges in dialetto lomellino


A Matilde,

perch i racconti di Ges

possano risuonare in lei

anche con gli accenti

dl ns dilt.

 

 


N. B. : il testo dialettale / italiano di ciascuna parabola preceduto dal titolo in Italiano e da una breve nota introduttiva, sempre in lingua, a richiamare molto sinteticamente il contenuto e/o il senso  della parabola stessa. Generalmente, nella versione dialettale, le parole di Gs sono racchiuse tra , mentre le battute dei vari personaggi sono comprese tra .

La parabola del servo senza piet
(Matteo 18, 23-35).

Rimetti a noi i nostri debiti, come noi li rimettiamo ai nostri debitori.

L prbul dl srv sns pit.

Ascoltala in sannazzarese
(registrazione inedita)

Pr cusch l rgn di cl 'gh sm un r chl vur fa i cnt cui s srv. E vnd cuminci fa i cnt, 'gh stai prŝnt in, chl 'gh v cun l un dbit d dŝml tlnt.
E vndgh n cul l i dn d dagh indrr, l s pdrn l urdin d vndl l cun l dn e i fi e tt cul chl 'gh v, e che l s dbit l fs pg. lr cul srv l, trnds pr tr i s p, l diŝv:
bi psins cun mn, e t dr indr tt.

Prund cumpsin, l pdrn d cul srv l l l ls nd, e 'gh cundun l dbit.
M pn f d ls, cul srv l l tru in di s cumpgn srv me l chl duv dgh indr cnt sld; e cipndl pr l crutn,  l l stringulv diŝndgh:

 Pg l t dbit!.

lr l s cumpgn l s trai pr tr e l l splicv diŝnd:

bi psins cun mn, e t dr indr i t sld.

M l l vurv n svgn; nsi l ndai e l l fai mt in prŝn, fn che lvrs n pg l dbit. Vdnd cul chl 'gh r scs, i ltr srv i n rst trmnt mal, e i n ndai cntgh ttcs l s pdrn. lr l s pdrn l l cim  e 'gh d:


Srv trmnt gram, mn t cundun tt cul dbit l prch t m v prg d fal; l n cht duv vgh nc ti cumpsin dl t cumpgn, tn me mn che 'gh v cumpsin d ti?.

E l s pdrn, rbi me un cn1, 'gh l dai in mn i gsn, fn  qund chl 'gh vrs n dai indr tt cul chgh  duv. Ins v fr nchl m Pdr in cl, se gnn d viltr l  prdn n d cr l s frd.

 

Perci il regno de' cieli simile ad un re che volle fare i conti coi suoi servitori. E avendo cominciato a fare i conti, gli fu presentato uno, ch'era debitore di diecimila talenti.
E non avendo egli di che pagare, il suo signore comand che fosse venduto lui con la moglie e i figliuoli e tutto quant'avea, e che il debito fosse pagato. Onde il servitore, gettatosi a terra, gli si prostr dinanzi, dicendo: Abbi pazienza con me, e ti pagher tutto. 
E il signore di quel servitore, mosso a compassione, lo lasci andare, e gli rimise il debito.
Ma quel servitore, uscito, trov uno de' suoi conservi che gli dovea cento denari; e afferratolo, lo strangolava, dicendo:

 

Paga quel che devi!
Onde il conservo, gettatosi a terra, lo pregava dicendo:
Abbi pazienza con me, e ti pagher.

Ma colui non volle; anzi and e lo cacci in prigione, finch avesse pagato il debito. Or i suoi conservi, veduto il fatto, ne furono grandemente contristati, e andarono a riferire al loro signore tutto l'accaduto. Allora il suo signore lo chiam a s e gli disse:
Malvagio servitore, io t'ho rimesso tutto quel debito, perch tu me ne supplicasti; non dovevi anche tu aver piet del tuo conservo, com'ebbi anch'io piet di te?
E il suo signore, adirato, lo diede in man degli aguzzini fino a tanto che avesse pagato tutto quel che gli doveva. Cos vi far anche il Padre mio celeste, se ognun di voi non perdona di cuore al proprio fratello.

1. In italiano, adirato: termine che non ha un preciso corrispettivo in dialetto, manca cio un dir.









  




Le altre parabole

Introduzione

Le parabole

La trascrizione delle parabole in dialetto sannazzarese

Criteri di trascrizione








menu secondario

 


pi di pagina